Tag

, , , , , ,

Carlo Nesti sarà a Mede

Carlo Nesti sarà a Mede

Una serata “eccezionale” è in calendario lunedì 15 giugno a Mede. Carlo Nesti, telecronista e giornalista sportivo sarà al teatro Besostri (ore 21.10) con il progetto “Lo sport di vivere. Testa o cuore?”.

La serata, organizzata dal gruppo Alpini di Mede, dalla parrocchia e dal Comune e patrocinata da molte altre associazioni, inviterà a riflettere su temi spesso sottovalutati da chi pratica o segue lo sport, concentrato soprattutto sulle prestazioni e sui risultati.

Nesti, accompagnato da una serie di immagini e brevi filmati sportivi, farà rivivere momenti di sport di alta intensità con lo scopo di indagare sentimenti e valori che permeano lo sport. Passioni e sentimenti che sono anche quelli che si vivono quotidianamente nella vita di tutti i giorni.

I valori e le passioni di cui parlerà il giornalista sono rivalità, inferiorità, attesa, patriottismo, razzismo, furbizia, solitudine, incredulità, dolore, volontà, rivincita. Lo fa prendendo spunto e commentando immagini che riportano momenti di sport entrati nella Storia con la S maiuscola e nella memoria collettiva, anche in chi abitualmente non segue lo sport, poiché debordano dalla dimensione meramente sportiva per diventare fenomeni ed eventi sociali, culturali e storici.

Lunedì Felice Gimondi, il Grande Torino, l’Inter dei due Moratti e il Milan di Van Basten, le Nazionali del 1934 e del 1982, l’epopea del pugilato con i campioni celebri come stelle di Hollywood, la guerra delle Falkland e la “vendetta di Maradona”, oltre a molti altri episodi e campioni, diventano spunto per evidenziare e analizzare valori e sentimenti dello sport, che si ritrovano e riprovano nel quotidiano.

Atleti, dirigenti sportivi, allenatori, tifosi, sportivi in genere e ragazzi che frequentano gli oratori potranno trovare spunti e riflessioni molto interessanti, rileggendo la loro esperienza e scoprendo, o riscoprendo, che lo sport è molto più importante di quello che può sembrare a prima vista.

Prevista la presenza di mons. Maurizio Gervasoni, vescovo di Vigevano, e di atleti di oggi e del passato. L’invito è rivolto a chi desidera passare una serata “sportiva” a tutto tondo.

Ingresso libero.

Annunci