L’eco-agricoltura: i fondi e le regole

Risaia fossettoProduzioni agricole integrate per «ridurre l’impatto negativo di un utilizzo non oculato dei fitosanitari». E poi la conservazione della biodiversità nelle risaie e la salvaguardia di razze animali locali e di varietà vegetali minacciate di abbandono, fra cui alcuni vitigni dell’Oltrepò Pavese e la cipolla rossa di Breme. Sono gli ambiti d’intervento della misura 10 “Pagamenti per impegni agro-climatico- ambientali” del Programma di sviluppo rurale 2014-2020. Ingenti le risorse messe a disposizione dalla Regione Lombardia: 50 milioni di euro. La domanda di aiuto dovrà essere presentata dal 31 marzo al 15 maggio prossimi. Coinvolte, in particolare, le zone ad agricoltura più intensiva come le risaie della Lomellina e del Pavese, in cui le aziende agricole finanziate dalla misura 10 potranno operare per la conservazione della biodiversità e il miglioramento della qualità dell’acqua. Continua a leggere “L’eco-agricoltura: i fondi e le regole”

Annunci

Acqua di risaia, un progetto di ricerca di Ente risi e Università

L’Ente nazionale risi avvierà un monitoraggio sistematico, sia in termini di quantità sia di qualità, delle acque utilizzate in risaia. Il progetto “Water impacts of paddy environment (Watpad)” è stato approvato dalla Fondazione Cariplo, che metterà a disposizione circa 250.000 euro. La ricerca sull’inquinamento delle acque e per una corretta gestione della risorsa idrica è firmata dall’Ente nazionale risi e dall’Università degli Studi del Piemonte Orientale, entrambi coordinati dal dipartimento di Scienze Agrarie dell’Università degli Studi di Milano. Il progetto si svilupperà in un’azienda agricola di Semiana nel corso di due anni (campagne agrarie 2015 e 2016) attraverso un approccio … Continua a leggere Acqua di risaia, un progetto di ricerca di Ente risi e Università

Broni-Mortara, autostrada in salita nella pianura lomellina. Parola di Legambiente

Tutti vorrebbero vivere in Lombardia, regione talmente priva di problemi da poter investire dodici anni e decine di milioni di euro per progettare un’autostrada inutile al punto che questi smisurati ritardi in realtà non sono un problema per nessuno. Di certo non lo sono per la viabilità dei territori che verrebbero attraversati dal rilevato d’asfalto di un ecomostro che ne minaccia le risaie e il reticolo idrico. La rete viabilistica, anche se un po’ malconcia, è adeguata ai bisogni di chi vive tra Lomellina e Oltrepò, con l’unica criticità rappresentata dall’attraversamento del Po che da tempo richiede un nuovo ponte. … Continua a leggere Broni-Mortara, autostrada in salita nella pianura lomellina. Parola di Legambiente

La Lomellina paga 20 euro in meno al “termo”

La tariffa di conferimento dei rifiuti urbani al termovalorizzatore di Parona scende da 113 a 93 euro la tonnellata (la produzione inviata a Parona nel 2013 è stata di 26.700 tonnellate). Dopo mesi di trattative, il Clir, società guidata dall’amministratore unico Federico Bertani, formalizzerà l’accordo nell’assemblea convocata per sabato. Bertani, a capo della società che raggruppa 42 Comuni lomellini, ha messo all’ordine del giorno il punto definito “addendum alla convenzione per il trattamento dei rifiuti con Lomellina Energia”. «Da parte sua – spiegano Bertani e il direttore generale Marco Rivolta – la società ha chiesto di prorogare la scadenza del contratto … Continua a leggere La Lomellina paga 20 euro in meno al “termo”

Fanghi in agricoltura, il progetto sperimentale parte dalla Lomellina

Il progetto di riutilizzo dei fanghi di depurazione in Lomellina è stato presentato il 28 aprile scorso nella sede territoriale regionale di Pavia (Ster) dall’assessore regionale all’Ambiente, Energia e Sviluppo sostenibile Claudia Maria Terzi. «La giornata di oggi è importante per Regione Lombardia, per Arpa e, naturalmente, per le quattro Province interessate: Pavia, Lodi, Cremona e Bergamo – ha spiegato l’assessore – L’idea era di presentare il progetto proprio in uno dei territori oggetto quest’anno della prima sperimentazione, che diventerà strutturata a partire dall’anno seguente. La Lomellina si è dimostrata più sensibile rispetto alle tematiche sull’utilizzo dei fanghi in agricoltura e … Continua a leggere Fanghi in agricoltura, il progetto sperimentale parte dalla Lomellina

Discarica di amianto di Ferrera Erbognone, passo in avanti. Legambiente non ci sta

«Nel Piano regionale rifiuti da poco approvato abbiamo inserito nuovi limiti e vincoli a tutela del territorio, ma questi non trovano attuazione nelle procedure già avviate prima dell’approvazione del nuovo Piano». Lo ha detto l’assessore all’Ambiente, Claudia Maria Terzi, in merito alla procedura di Autorizzazione integrata ambientale per la discarica per rifiuti contenenti amianto di Ferrera Erbognone, proposta dalla società Acta. «Il risultato dell’approfondimento giuridico in questo caso – ha ammesso Terzi – non è stato quello atteso da me, dal Consiglio regionale e dal territorio. In ogni caso, la sentenza del Consiglio di Stato circa la vicenda di Malagnino … Continua a leggere Discarica di amianto di Ferrera Erbognone, passo in avanti. Legambiente non ci sta

«Il ministero dica no all’autostrada Broni-Mortara»

Quattro sigle ambientaliste chiedono ai ministeri dell’Ambiente e per le Attività culturali e alla Regione Lombardia di esprimere parere negativo circa la compatibilità ambientale dell’autostrada Broni-Pavia-Mortara. Il documento con le osservazioni, in risposta alla richiesta di integrazioni indirizzata alla società proponente Sabrom, è firmato da Wwf, Lipu, Fondo ambiente italiano e Italia Nostra. «Il progetto – scrivono le associazioni – presenta un forte consumo di suolo agricolo, cui occorre aggiungere gli effetti che l’infrastruttura comporterà sull’agricoltura». A rischio, in particolare, saranno le aziende agricole, caratterizzate da un indice di impatto da medio ad alto: 70,4% di quelle risicole e 74,2% … Continua a leggere «Il ministero dica no all’autostrada Broni-Mortara»