Scegliere il classico nell’era dei “mi piace”

di Roberta Romussi, professoressa di Latino e Greco al liceo “Carducci” di Milano Faccio l’appello in Aula magna e su per le scale. Per loro: scuola nuova, primo giorno della prima Liceo, scale nuove, facce nuove. Per me: la mia scuola, scale mille volte salite e scese, ennesimo primo giorno del Liceo classico da sempre, facceContinua a leggere “Scegliere il classico nell’era dei “mi piace””

La bocchetta della risaia è computerizzata

La cascina Cerino di Semiana sperimenta la gestione irrigua automatizzata in risaia: la bocchetta regolerà il livello dell’acqua attraverso una serie di sensori. Il progetto pilota attivato dal dipartimento di Scienze agrarie e ambientali dell’Università degli Studi di Milano è incentrato su un prototipo di paratoia automatizzata all’ingresso di una camera di risaia campione, dellaContinua a leggere “La bocchetta della risaia è computerizzata”

Il Risorgimento rivive a Palestro

La città di Palestro celebrerà il 157° anniversario della battaglia risorgimentale. Gli organizzatori, che ringrazio di cuore, hanno voluto inserire la presentazione del mio libro Manzoni e la spia austriaca, incentrato su una caccia all’uomo fra le risaie della Lomellina del 1859. Di seguito, la pagina dedicata alla battaglia del 1859 contenuta nel mio libroContinua a leggere “Il Risorgimento rivive a Palestro”

L’arte della Controriforma in Lomellina

Mezzo secolo di arte della Controriforma in Lomellina. Per la prima volta una mostra raccoglie 16 testimonianze pittoriche della risposta cattolica alla Riforma protestante, che, con Martin Lutero e Calvino in particolare, riteneva quasi sacrilega la presenza di immagini sacre all’interno delle chiese. Sabato al castello Isimbardi s’inaugurerà la mostra “Pietas laumellina. Immagini dalla Controriforma”,Continua a leggere “L’arte della Controriforma in Lomellina”

I lomellini alle Cinque giornate di Milano

Nel 1848 gli ideali risorgimentali sono diffusi in Lomellina, in particolare, dal mortarese Giovanni Josti, deputato al Parlamento Subalpino e consigliere della Divisione di Novara, e dal prevosto Giuseppe Robecchi, di origini gambolesi, parroco per un quarto di secolo a Vigevano. Poi sono da citare il nobile Giacomo Plezza, nato a Cergnago nel 1806, senatore,Continua a leggere “I lomellini alle Cinque giornate di Milano”

La Lomellina è «la Camargue lombarda»

La signora Gio Tosi, che ringraziamo di cuore, risponde al sig. Sàibene, che sul sito http://www.doppiozero.com aveva trovato la Lomellina tutto fuorché speciale. Provengo da Milano e, con mio marito, mi sono stabilita in Lomellina, stanca della vita frenetica della città, del traffico, delle code e degli odori dell’inquinamento. Nel paesaggio ho trovato i ritmiContinua a leggere “La Lomellina è «la Camargue lombarda»”

Le “nullità” della Lomellina

Ad Abbiategrasso finisce la “Lombardia bianca e operosa” e comincia la landa desolata e letale (forse perché piemontese?) della Lomellina. Premesso che dal Settecento un sottofondo di piemontesità è sempre presente nei lomellini, mi sembra che il sig. Sàibene non abbia ben presente la vera identità lomellina, al di là dei “luoghi comuni” rappresentati dal salameContinua a leggere “Le “nullità” della Lomellina”

Niente soldi per il ponte romano

Seconda puntata del ponte di epoca romana situato fra Candia Lomellina, Langosco e Mantie, frazione di Motta de’ Conti (Vercelli). Questo il servizio uscito oggi su “La Provincia Pavese”. Segnalo la polemica fra il Gapo di Vercelli e il sindaco di Candia, Tonetti. Quando i ponti dividono…