Fausto Leali ritorna in Lomellina

Da “A chi” del 1967 a “Deborah” e “Angeli negri” dell’anno successivo fino a “Io camminerò” (1976), “Io amo” (1987), “Mi manchi” (1988) e “Ti lascerò”, con cui nel 1989 vinse Sanremo a fianco di Anna Oxa. Sabato 20 luglio, alle 21.30, Fausto Leali riproporrà a Olevano di Lomellina i grandi successi della sua cinquantennaleContinua a leggere “Fausto Leali ritorna in Lomellina”

Mirko Casadei, il re delle balere del terzo millennio

«Sono contento di suonare a Ferrera Erbognone il liscio dell’orchestra Casadei, anche perché questa parola è stata coniata negli anni Settanta proprio in Lomellina, alle Rotonde di Garlasco». Sabato 22 giugno, alle 21.30, Mirko Casadei suonerà in piazza Giordano Bruno, ospite della Pro loco in occasione dell’annuale Sagra di San Giovanni. Mirko è pronipote diContinua a leggere “Mirko Casadei, il re delle balere del terzo millennio”

«Non capite il dialetto laghéé. E invece l’inglese?»

In un’intervista del 2005, uscita su La Provincia pavese, Davide Bernasconi, alias Van De Sfroos, spiega con poche parole perché gli italiani adorano le canzoni in inglese e storcono il naso di fronte ai testi in dialetto.

Il fiume della vita

Bruce Springsteen, nella stesura di questo malinconico e intenso brano datato 1980, raccontò di essere stato ispirato dalla vicenda di sua sorella Virginia, rimasta incinta a 17 anni, e del cognato. I come from down in the valley Where mister when you’re young They bring you up to do like your daddy done Me and Mary weContinua a leggere “Il fiume della vita”